il Rimino Sottovoce 2018

I segreti del Planco segreto

Riproduco il comunicato ufficiale della Biblioteca Gambalunga di Rimini, con una nota bibliografica che riguarda il sottoscritto.


VOCI DAI FONDI
LA BIBLIOTECA RACCONTATA


Biblioteca Gambalunga – Sala della Cineteca, ore 18, venerdì 4 maggio
Rimini “scientifica” dialoga con l’Europa
conversazione di STEFANO DE CAROLIS:
"Iano Planco segreto: storia di una ricerca fra le carte della Gambalunga"

La rassegna “Voci dai fondi. La biblioteca raccontata” prosegue venerdì 4 maggio, puntando la sua lente di ingrandimento sul '700, il secolo in cui Rimini, piccola città del chiuso Stato Pontificio, conobbe un periodo di grande vivacità culturale, grazie alla diffusione di una moderna mentalità scientifica basata sulla ragione, sulla sperimentazione e ricerca scientifica. Fra i protagonisti, Giovanni Bianchi 1693-1775), alias Iano Planco, lo scienziato dalle eccezionali doti intellettuali, dedito in particolare alle scienze mediche e naturali, che aveva trasformato la sua casa (ove riaprì l’Accademia dei Lincei morta sessant’anni prima a Roma) in una scuola e in un museo di storia naturale ed antiquaria, e adibito una costruzione vicino al mare a luogo di osservazione astronomica meteorologica e marina. Nella sua scuola si affrontarono tematiche scientifiche e di medicina, ma si insegnarono anche le lingue e le letterature classiche, l’archeologia e la storia patria; si formarono numerosi intellettuali, tra cui: Giovanni Antonio Battarra, il cardinale Giuseppe Garampi, Michele Rosa, Giovanni Cristofano Amaduzzi, Gaetano Marini. Ne parlerà venerdì 4 maggio, il medico e storico della medicina Stefano De Carolis, che con la conversazione su Iano Planco segreto: storia di una ricerca fra le carte della Gambalunga, illustrerà il suo lungo (e ormai concluso) lavoro di ricerca, e alcuni particolari – rigorosamente scelti fra quelli più singolari e curiosi – che da quella ricerca sono riemersi.


Fine del comunicato. Segue il mio testo.
A semplice titolo di cronaca rimando a miei scritti apparsi a stampa:

1994, La Spetiaria del Sole, Iano Planco giovane, Raffaelli, Rimini 1994
1995, «Lamore al studio et anco il timor di Dio», Precetti pedagogici di Francesco Bontadini commesso della «Spetiaria del Sole» per Iano Planco, suo padrone, Quaderno di Storia n. 2, Il Ponte, Rimini 1995
1996, Modelli letterari dell'autobiografia latina di Giovanni Bianchi (Iano Planco, 1693-1775), «Studi Romagnoli» XLV (1994), Stilgraf, Cesena 1997, pp. 277-299
1998, Giovanni Bianchi (Iano Planco) studente di Medicina a Bologna (1717-19) in un epistolario inedito, «Studi Romagnoli» XLVI (1995), Stilgraf, Cesena 1998, pp. 379-394
1999, Due maestri riminesi al Seminario di Bertinoro. Lettere inedite (1745-51) a Giovanni Bianchi (Iano Planco), «Studi Romagnoli» XLVII (1996), Stilgraf, Cesena 1999, pp. 195-208
2003, Giovanni Cristofano Amaduzzi e la scuola di Iano Planco, Accademia dei Filopatridi, Studi Amaduzziani, III, Viserba di Rimini 2003, pp. 13-36
2003, Iano Planco, la puttanella, il vescovo. La condanna all'Indice del rifondatore dei Lincei, Raffaelli, Rimini 2003
2003, Lettori di provincia nel Settecento romagnolo. Giovanni Bianchi (Iano Planco) e la diffusione delle Novelle letterarie fiorentine. Documenti inediti, «Studi Romagnoli» LI (2000), Stilgraf, Cesena 2003, pp.335-377
2004, Rapporti culturali e circolazione libraria tra Venezia e Rimini nel XVIII secolo, «Ravenna Studi e Ricerche», X/2 (2003), Società di Studi Ravennati 2004, pp. 229-259
2006, Erudizione 'malatestiana' nel Settecento riminese. Iano Planco e le tombe del Tempio, «Studi Romagnoli» LIV (2003), Stilgraf, Cesena 2006, pp. 205-222
2007, La formazione di papa Ganganelli alla scuola riminese di Iano Planco, «Studi Romagnoli» LVI (2005), Stilgraf, Cesena 2007, pp. 107-117

Materiale non a stampa depositato in BGR:
2002, L'Accademia dei Lincei riminesi (1745): breve storia con in appendice una biografia del suo Restitutore Giovanni Bianchi (Iano Planco, 1693-1775), segn. M 0500 02304. Depositato anche a Cesena, Malatestiana, segn. OPROM Mon Ant 16 (2002)


Tutto questo materiale è preceduto da sette capitoli biografici usciti nel 1993 sul settimanale riminese "il Ponte": vedere questa pagina, oppure questa.

Per i link sul web dei miei scritti, visitare la pagina
http://www.geocities.ws/antoniomontanarinozzoli/sv/sv2018/planco2018.html

Stefano De Carolis nel "Il Notiziario dell'Ordine dei Medici...", Rimini, VI, 9, Ottobre 2003, scriveva:
Il Professor Montanari è uno dei maggiori esperti della figura e dell'opera di Giovanni Bianchi (o Iano Planco), il celebre medico riminese del Settecento a cui - come ormai tutti sanno - è stato intitolato nel 1994 il nostro Ordine. Molti Colleghi ricorderanno che fu proprio Antonio Montanari ad inaugurare, nel gennaio 1998, gli "Incontri" cultural-conviviali dell'Ordine, con una magistrale lettura sulla figura di Iano Planco.
In questa sua ultima fatica, pubblicata per ricordare i quattrocento anni trascorsi dalla fondazione dell'Accademia dei Lincei (che Planco ripristinò nel 1745 presso la propria abitazione riminese), Montanari ricostruisce con la consueta precisione un singolare episodio, che ebbe vasta eco nell'Italia di allora. [...]
Il volumetto di Montanari, con una narrazione documentatissima ma al tempo stesso avvincente, ricostruisce tutta l'intricata vicenda, coronata da una sorta di lieto fine "a metà".



Antonio Montanari - 47921 Rimini. - Via Emilia 23 (Celle). Tel. 0541.740173
RIMINISTORIA è un sito amatoriale, non un prodotto editoriale. Tutto il materiale in esso contenuto, compreso "il Rimino", è da intendersi quale "copia pro manuscripto". Quindi esso non rientra nella legge 7.3.2001, n. 62, "Nuove norme sull'editoria e sui prodotti editoriali e modifiche alla legge 5 agosto 1981, n. 416", pubblicata nellaGazzetta Ufficiale n. 67 del 21 marzo 2001.
2776,01.05.2018/02.05.2018