il Rimino Sottovoce 2019

Amici in Gambalunga



Due amici di antica data, nella foto ufficiale delle celebrazioni gambalunghiane.
Lei è Oriana Maroni che conosco per la mia antica frequentazione nella Biblioteca civica di Rimini e che mi chiamò a collaborare ad un volume apparso nel 2010, dedicato a Liliano Faenza, con un saggio che intitolai "Il fantasma di Voltaire. Liliano Faenza filosofo, con vista sulla Storia", pp. 177-190.
Lui è Piero Meldini con cui fui collega di insegnamento e che poi è stato direttore della stessa Gambalunga.
Piero è anche il nostro maggior narratore contemporaneo: nel 1996 proietta in una scena secentesca un giudizio sempre attuale, Rimini è una "Città ingrata, più contenta delle altrui disgrazie che delle proprie fortune, cieca ai meriti, insensibile all'ingegno. Patria disgraziata!".
Il 5 febbraio 1998, ricordavo nella mia rubrica "Tama" del settimanale "Il Ponte": il prof. Piero Meldini, direttore della Gambalunghiana, con il «Corriere di Rimini» ha riassunto 50 anni di storia cittadina: «Le lacune nel campo della conoscenza non vengono avvertite come un limite. La ricchezza non viene seguita dalla spinta ad acculturarsi. È vissuta come un merito. E invece spesso è solo la conseguenza di essersi trovati nel posto giusto al momento giusto». Riferendosi poi al settore di chi fa «Cultura», Meldini ha aggiunto: «Qui c'è il gusto per la stroncatura e le capacità spesso non vengono riconosciute. L'invidia a Rimini è a tutto campo». Partendo da questa frase, il giornale ha intitolato: «Rimini, poca cultura ma tanta invidia».
Scrivendo di Sebastiano Vanzi, ho notato che Meldini, nella storia della secentesca Biblioteca Gambalunga, riportava l'«eloquente e malizioso» ritratto del «tronfio quanto spiantato ceto patrizio locale» composto nel 1660 dal bolognese Angelo Ranuzzi, referendario apostolico e governatore di Rimini: «Vi sono molte famiglie antiche e nobili che fanno risplendere la Città, trattandosi i Gentiluomini con decoro et honorevolezza, con vestire lindamente, far vistose livree et usar nobili carrozze: nel che tale è la premura et il concetto fra di loro, che si privano talvolta de' propri stabili, né si dolgono di avere le borse essauste di denari per soddisfare a così fatte apparenze».
Bastano questi pochi cenni per segnalare l'importanza della figura di Piero Meldini nella storia della nostra cultura, non soltanto a livello locale.



Oriana Maroni è sempre stata attenta alla vita della nostra Gambalunga che adesso regge con la stessa passione mostrata in passato nella vita burocratica dell'istituzione riminese.
In una mia pagina del 2005, parlando di un suo lavoro sugli «Album Battaglini», osservavo
che Oriana Maroni appartiene alla ristrettissima schiera di studiosi riminesi di Storia in grado di scrivere con una cognizione di causa ed una consapevolezza critica che derivano dalla conoscenza di questioni di metodo, interpretazione e composizione, a cui s'accompagna una felicità stilistica espressa con chiarezza di discorso.
Antonio Montanari



Antonio Montanari - 47921 Rimini. - Via Emilia 23 (Celle). Tel. 0541.740173
RIMINISTORIA è un sito amatoriale, non un prodotto editoriale. Tutto il materiale in esso contenuto, compreso "il Rimino", è da intendersi quale "copia pro manuscripto". Quindi esso non rientra nella legge 7.3.2001, n. 62, "Nuove norme sull'editoria e sui prodotti editoriali e modifiche alla legge 5 agosto 1981, n. 416", pubblicata nellaGazzetta Ufficiale n. 67 del 21 marzo 2001.
2936, 04.04.2019