Inno all'Erudito Riminese
di Anonimo Novecentesco [*]


Il perfetto Erudito Riminese
gentile, ossequiente, raffinato,
nulla risparmia al suo essere cortese,
mostrandosi dal sol tutto fasciato.

Tratta dell'Urbe antica, e del Forese,
del Mondo Vetusto, e dell'Evo rinato,
del Conte, del Barone o d'un Marchese
sifilitico, ebbro e squattrinato.

Talora scende dal suo monumento,
in cui si gloria e vanta con l'effetto
di provocare risa a cento e cento.

Scende, e non s'accorge, il poveretto,
che pone i piedi sopra un escremento
ove si specchia, tutto lieto in petto.


[*] Testo da me ritrovato tra le carte di un volume della Biblioteca Gambacorta di un luogo vicino a Rimini.
© by Antonio Montanari

"Riministoria" e' un sito amatoriale, non un prodotto editoriale. Tutto il materiale in esso contenuto, compreso "il Rimino", e' da intendersi quale "copia pro manuscripto". Quindi esso non rientra nella legge 7.3.2001, n. 62, "Nuove norme sull'editoria e sui prodotti editoriali e modifiche alla legge 5 agosto 1981, n. 416", pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 67 del 21 marzo 2001.
Antonio Montanari, 47921 Rimini, via Emilia 23 (Celle), tel. 0541.740173

Riministoria
il Rimino
Antonio Montanari

Pagina 1710.
Creata
06.08.2012.
Aggiornata
14.06.2018